Ortofrutticola Mugello, le valutazioni di Cgil e Cisl

Ortofrutticola del Mugello (Marradi), l’azienda rivede la posizione sulla chiusura dello stabilimento. La Flai Cgil: “Al tavolo di oggi informazioni insufficienti, vogliamo rassicurazioni sul futuro del sito, domani in assemblea valuteremo il mantenimento del presidio”

15 giorni di presidio davanti ai cancelli, e tutte le mobilitazioni istituzionali, politiche e della cittadinanza marradese hanno costretto Italcanditi a rivedere la sua posizione rispetto alla chiusura dello stabilimento dell’Ortofrutticola del Mugello a Marradi. Riteniamo comunque che le informazioni oggi date dall’azienda al tavolo siano insufficienti per valutare il piano proposto rispetto al mantenimento del presidio alla “fabbrica dei marroni” Marradi.
Quindi valuteremo domani con l’assemblea delle lavoratrici e dei lavoratori il mantenimento del presidio permanente, che noi riteniamo necessario fino a che non avremo le rassicurazioni e il piano industriale dettagliato rispetto al futuro del sito Marradese. Il piano industriale dovrà essere particolarmente convincente, essendo trascorsi nemmeno 18 mesi dall’acquisizione di Ortofrutticola.

Fonte Cgil

Ortofrutticola Marradi, bene che non chiuda, ma restano forte preoccupazione e perplessità per lo scenario disegnato dalla proprietà.

Questo pomeriggio si è svolta la riunione per l’Ortofrutticola di Marradi, alla presenza del presidente della Regione Toscana Eugenio Giani, del consigliere per le crisi aziendali Valerio Fabiani, delle assessore Stefania Saccardi e Alessandra Nardini, del sindaco Triberti e del delegato della Città Metropolitana Bettarini, di Cisl e Cgil, dell’azienda e delle RSU.

Fabio Franchi, segretario generale Cisl Firenze-Prato, ha detto di accogliere con favore l’annuncio dell’azienda di non voler procedere alla chiusura dello stabilimento ma ha espresso forti preoccupazioni su cosa succederà nell’imminente futuro, visto che la produzione di marron glacés verrà comunque trasferita a Bergamo e produrrà una riduzione consistente degli attuali occupati e con una riduzione della stagionalità: “Se non viene mantenuto il livello occupazionale – spiega Franchi – siamo perplessi rispetto alla novità di un accordo commerciale con il vecchio proprietario e ai tre nuovi prodotti proposti dall’azienda, oltre al fatto che chiediamo il piano industriale e relativi investimenti di ammodernamento che sono stati presentati oggi”.

Andrea Piccini, della Fai Cisl Firenze-Prato ha sottolineato con forza la necessità di continuare ad investire sul territorio di Marradi: “vogliamo un progetto dettagliato e vogliamo che la produzione di qualità dello stabilimento abbia una progettualità che tende al futuro e non all’imminente”.

“Procediamo con cautela e con un’analisi dettagliata del progetto – conclude Franchi -. Continueremo a stare al fianco delle lavoratrici e dei lavoratori dell’Ortofrutticola e delle istituzioni e viglieremo perché niente sia portato altrove, né macchinari, né personale, né dipendenti; Ortofrutticola non è solo una fabbrica è Marradi.”

fonte Cisl

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *