Bando Gal per le attività agrituristiche. Scade il 21 giugno

Bando Gal per le attività agrituristiche. Scade il 21 giugno

Il Gal Start pubblica l’ultimo bando della propria Strategia di Sviluppo Locale nell’ambito del PSR 2014-20. Si tratta del bando sulla misura 6.4 che prevede contributi per “gli investimenti nella creazione e nello sviluppo di attività extra-agricole”.

Le tipologie di investimento che vengono sostenute sono le seguenti:

  1. Investimenti per migliorare il livello qualitativo dell’attività di ospitalità rurale agrituristica tra cui la preparazione e somministrazione dei prodotti aziendali agli ospiti, investimenti negli spazi aperti aziendali per consentire l’ospitalità agrituristica ed inoltre investimenti finalizzati all’efficientamento energetico e idrico;
  2. investimenti per interventi finalizzati allo sviluppo di attività educative/didattiche (fattorie didattiche) e di attività sociali e di servizio inclusa l’assistenza all’infanzia, agli anziani, alle persone con disabilità e/o svantaggio;
  3. investimenti per le attività di svago, ricreative anche connesse al mondo animale, sportive e legate alle tradizioni rurali e alla valorizzazione delle risorse naturali e paesaggistiche;
  4. altre tipologie di investimento direttamente collegate alle suddette voci.

La dotazione finanziaria è di circa 420 mila euro e, per i soggetti richiedenti, l’attività agricola deve essere prevalente rispetto alle attività di diversificazione.

Il contributo previsto è del 40% ( elevato al 50% per aziende in area montana) fino a un massimo di 50 mila euro.

Le domande devono essere presentate entro il 21 giugno.

Tra gli investimenti per migliorare l’ospitalità agrituristica figurano la ristrutturazione eil miglioramento energetico degli edifici , la sistemazione di aree verdi attrezzate, la creazione di serbatoi per l’acqua,interventi volti al miglioramento degli standard di qualità delle piscine esistenti incluso l’acquisto di strumentazioni/attrezzature.

Si possono fare interventi su spazi aperti aziendali per consentire l’attività di agricampeggio, oppure per attività didattiche, educative e sociali.

Interventi per attività ricreative, sportive, escursionistiche e di ippoturismo riferite al mondo rurale comprese le attività legate alle tradizioni rurali e alla valorizzazione delle risorse naturali e paesaggistiche.

Si tratta di un bando interessante vista l’importante presenza di agriturismi nel territorio di competenza del Gal Start (Mugello, Valdisieve, Val di Bisenzio e parte del Chianti fiorentino) ma che arriva in un momento di grande difficoltà per tutto il settore dell’accoglienza turistica e che vede in grande sofferenza proprio gli agriturismi che erano stati in questi anni la tipologia di offerta in maggiore crescita. Il cofinanziamento del 60% o 50 % che fino a febbraio era sicuramente allettante rischia ora di essere escludente, ma per adeguare le percentuali è necessario un cambiamento della scheda del Psr che deve  essere approvato dalla comunità europea.

Speriamo che siano comunque risorse utili per sostenere e migliorare un settore così importante dell’accoglienza turistica nel nostro territorio pronto a ripartire una volta terminata l’emergenza sanitaria.

Leonardo romagnoli

22.4.20

I commenti sono chiusi.