Vivilosport, baciata dal sole, per 4 giorni di vera festa

Vivilosport, baciata dal sole, per 4 giorni di vera festa

Quattro giorni di sole. Quattro giorni di entusiasmo. Quattro giorni per ripartire nel segno dello sport, del divertimento e della condivisione. E’ stato questo la XXVIII edizione di Vivilosport Mugello, quest’anno in collocazione settembrina, che si è appena conclusa a Borgo San Lorenzo. La manifestazione, divenuta negli anni punto di riferimento dello sport toscano, come la più grande ed antica manifestazione nel quale si possano provare discipline, quest’anno anche Festa Metropolitana dello Sport, ha visto una grande partecipazione da parte di società sportive e Federazioni, che hanno avuto occasione di mostrare, attraverso prove, allenamenti, dimostrazioni, tornei, incontri la bellezza delle proprie discipline. Ma non è stata una “guerra” tra sodalizi per accaparrarsi futuri atleti: si sono viste società, anche di discipline differenti o, magari, anche avversarie in campo, collaborare nel nome dello sport e, perche no, creare nuove amicizie. Il modo migliore, dunque, per ripartire. Malgrado l’attenzione al rispetto delle norme, all’ingresso riservato a possessori di green pass, tanta era la voglia di conoscere ed ammirare le esibizioni, provare gli sport in prima persona ed assistere agli spettacoli che, da mattina a sera, venivano proposti. Le società sportive, oltre 100 quelle impegnate, hanno dato vita a circa 300 eventi nei quattro giorni, tra il Foro Boario, cuore pulsante della manifestazione, e quelle dislocate nell’intero paese.


Difficile evidenziare un evento che si sia elevato rispetto ad altri, vista la partecipazione avuta da tutti ed il fatto, nell’immediato riscontro del giorno dopo, che tante società sottolineano numerose nuove iscrizioni e tantissimo interessamento. Alcune note però vanno sottolineate, come l’incontro “Sport e salute: un valore economico?“ alla presenza di atleti olimpionici come Filippo Megli e quello Paralimpico, argento a Tokyo, Simone Ciulli che hanno dato lezioni di vita, oltre che di sport, ai giovani atleti seduti in platea. Il successo della vaccinazione attraverso il mezzo attrezzato “GiovaniSìvaccinano” della Regione Toscana, che ha in poche ore esaurito le dosi a disposizione, costringendo ad un bis, visto la grande richiesta, che si svolgerà domani. Ed il fatto che la manifestazione è servita anche a formare tanti dirigenti all’uso defibrillatore, segnale che questa manifestazione, oltre che di prova e divertimento è anche di servizio al mondo dello sport. E poi da sottolineare il grande successo del Raduno di Auto e Moto Mugellano, con l’allegro popolo delle Harley e non solo, vero protagonista del sabato, il ritorno con grande successo di discipline come il baseball, la simpatica novità del minigolf e la bella e assolutamente apprezzata presenza dello spazio dedicato a Pompieropoli ed al mondo dei Vigili del Fuoco.


L’evento, voluto dall’Amministrazione Comunale in collaborazione con la Asd Vivilosport e la Periscopio Comunicazione, che cura la parte organizzativa dell’evento, è stato reso possibile grazie al grande impegno del cantiere comunale, di alcune ditte che hanno prestato il proprio servizio e dalla collaborazione, anche in una gestione più complicata causa la pandemia in corso, di tante associazioni legate al mondo del volontariato.
“Una quattro giorni di festa all’insegna dello sport, sottolinea il sindaco di Borgo San Lorenzo, Paolo Omoboni, con una grande partecipazione di pubblico. Era una prova importante dopo i mesi che abbiamo passato e direi prova superata grazie all’impegno di tutti”.


“Un patrimonio del nostro territorio del quale voglio ringraziare chi a suo tempo la pensò e chi negli anni l’ha portata avanti, spiega l’assessore allo sport del Comune di Borgo San Lorenzo, Gabriele Timpanelli. Avremo modo di fare un bilancio più dettagliato ma credo che si possa dire che l’aver fortemente creduto nel realizzarla sia stata una scommessa vinta. C’era entusiasmo, divertimento, socialità. Una festa con e per le nostre società sportive. Una stagione sportiva che è appena iniziata e che ci auguriamo non si debba più fermare. Il caso ha voluto che questa festa dello sport cada nel giorno della Liberazione di Borgo San Lorenzo, e, come allora con la prima edizione della Coppa della Liberazione, lo sport come veicolo di ripartenza, libertà e socialità. Fatemi fare un ringraziamento, conclude Timpanelli, ai ragazzi dell’organizzazione ed a tutte le persone ed associazioni che hanno lavorato per far si che la manifestazione potesse svolgersi regolarmente”.
Adesso il tempo per riprendere fiato e, con l’entusiasmo dato dal successo di questo evento si comincerà a lavorare da subito per l’edizione 2022 che, se le cose lo permetteranno, sarà lontana solo 8 mesi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *