Cambiamo Insieme sull’affidamento delle palestre alla ViviLoSport

Affidamento Vivi Lo Sport: facciamo luce diciamola tutta (la verità)

<Le nuove Tariffe valgono solo per il 2022 e potranno essere revisionate già nel 2023>

E’ incredibile che dopo 12 anni la Giunta improvvisamente non ritenga più che la gestione del consorzio sia quel modello gestionale di riferimento che ha creato con le proprie mani. E anzi viene ritenuta da alcuni esponenti PD una “gestione opaca, non equa e poco trasparente”.

Gravi affermazioni che accusano pesantemente le società tanto che avevamo a riguardo proposto di far riferire al consorzio ma la maggioranza si è opposta. Chissà perché?

Vale lpena ricordare che essendo la Giunta a stabilire le tariffe (delibera giunta 2010) se il problema erano quelle bastava venisse proposto di abbassarle e solo di fronte ad un rifiuto procedere in altro modo.

Del resto ricordiamo che il consorzio è stato fortemente voluto dalla maggioranza ancora presente, che incredibilmente si è trasformata da Fondatrice a Liquidatrice politica dello stesso.

E qui ci ritorna a mente la revoca della delega allo Sport e le dimissioni dell’ex Assessore Timpanelli. Del resto però chi tace acconsente.

Abbiamo votato contrario poiché nessuno ci ha sciolto dubbi in merito alla nascita di questa “in house”:

1-Visto che la Vivi Lo Sport non fa attività sportiva ma principalmente eroga servizi e gestisce impianti come è possibile che sia una SSD-ARL e che usufruisca del regime fiscale agevolato?

2-Come è possibile che un comune possa essere titolare al 100% di una SSD visto che non la ritroviamo tra le sue finalità e forse pure in contrasto con la normativa sulle partecipate?

Detto ciò ognuno tragga le proprie conclusioni in merito all’affidamento totale alla Vivi lo sport 100% “in house” di palestre e dell’incompiuta di Luco.

Noi, oltre le parole, ci riserviamo di verificarne la fattibilità oltre che la sostenibilità.

Cambiamo Insieme

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.