Pandemia e corretti comportamenti

Nei giorni scorsi abbiamo letto di interventi da parte di polizie municipali e carabinieri anche in abitazioni private per  invitare al rispetto delle indicazioni contenute nei vari decreti per evitare la crescita di casi di persone contagiate da corona virus. In particolare le norme cercano di limitare possibili assembramenti di persone.  Non sempre però tali interventi avvengono anche se sollecitati da cittadini attenti al rispetto delle norme. Un nostro radioascoltatore F.F ci ha informato di aver notato un folto gruppo di giovani intenti a giocare in un campetto all’interno di un centro abitato senza nessuna precauzione e uso di mascherine. Siamo a pochi giorni dalla ripresa dell’attività scolastica e quindi l’attenzione deve essere al primo posto per evitare inutili contaminazioni.
Chiesto l’intervento di chi è preposto ai controlli si è sentito rispendere che si trattava di un’area privata e che quindi non era possibile  fare niente. Chi ci ha chiamato è rimasto piuttosto sorpreso, primo perché l’area è evidentemente pubblica e poi perché nei giorni scorsi per situazioni anche meno gravi non sono mancate multe in alcuni comuni del territorio. Lo scopo della segnalazione non era quella di far multare qualcuno ma di  invitare al rispetto di  comportamenti utili al contenimento della pandemia.

( foto di repertorio)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *