Riapre il Chini Museo: ingresso libero fino a giugno

Riapre il Chini Museo: ingresso libero fino a giugno

Prorogata la Mostra di Felice Levini.

Realizzato un video in 3d di Marco Samorì sulle opere di Galileo Chini

 

E’ uno dei pochi musei che ha deciso di riaprire al pubblico. Il Chini Museo spalancherà le proprie porte a partire dal 23 maggio insieme al suo spazio di osservazione contemporanea Chini Contemporary il tutto ad ingresso gratuito sino a fine giugno

“Abbiamo preso questa decisione insieme al Direttore Alessandro Cocchieri- spiega il vicesindaco e Assessore alla Cultura Cristina Becchi- per sottolineare l’importanza della cultura. Un settore che ha subito danni e conseguenza dalla chiusura e sul quale ci sono ancora poche risposte “

In occasione della riapertura e per meglio rispettare le misure ordinate dal DPCM 17 maggio 2020, il Museo sarà aperto il sabato e la domenica dalle ore 09.00 alle ore 13.00 e dalle ore 15.00 alle ore 19.00. Si consiglia la prenotazione al numero 055 8456230 o alla email info@chinimuseo.it .

Sarà così finalmente possibile visitare la mostra di Felice Levini VISIONI E GEOGRAFIE, procrastinata infatti fino al 30 settembre e inaugurata lo scorso 21 febbraio poco prima della chiusura predisposta per l’emergenza sanitaria

L’esposizione curata dal Direttore del Chini Museo Alessandro Cocchieri sviluppa nei grandi spazi di Villa Pecori Giraldi un percorso che rivela gli elementi centrali della poetica di Levini. Le oltre quaranta opere che si susseguono nell’infilata dei sei saloni dedicati tracciano una grande mappa “concettuale” e “ricognitiva” dei molteplici linguaggi utilizzati dall’artista. In questa esposizione, che vanta anche alcuni lavori inediti, Levini non manca di restituirci una visione dell’arte come forma nuova della realtà che appare – inevitabilmente – nella sua inedita complessità.

Il Chini Museo, nonostante la chiusura, ha portato avanti il suo lavoro, ha continuato a fare ricerca e a trovare nuove collaborazioni.  Il Lockdown ci ha costretti a misurarci con le nuove tecnologie e soprattutto a cercare strade diverse per comunicare.

Le istituzioni museali hanno risposto allo stop, con iniziative dinamiche, creative e intelligenti passando per la fruizione digitale per permettere agli utenti di restare a casa senza perdersi dei contenuti culturali.

In questo particolare contesto il Chini Museo ha lavorato insieme al regista creativo Marco Samorì ad un prodotto realizzato interamente con tecnologia digitale 3D.

La creazione di Marco Samorì, che vede protagoniste una selezione di opere di Galileo Chini in collezione permanente presso il Chini Museo, è la reinterpretazione di un mondo magico e poetico, bianco e aulico dove l’arte di Galileo si muove a tempo di rima baciata in uno spazio metafisico. Samorì opera con precisione la sintesi del Chini Museo non svalutando l’aura del lavoro artistico Chiniano.

Fruibile su www.chinimuseo.it dal 25 maggio e sui canali social collegati al museo

 

__________________

 

LOGISTICA

FELICE LEVINI

VISIONI E GEOGRAFIE

 

Una mostra CHINI CONTEMPORARY

A cura di Alessandro Cocchieri

Procrastinata fino al 30 SETTEMBRE 2020

CHINI MUSEO – VILLA PECORI GIRALDI

PIAZZALE LAVACCHINI N.1 BORGO SAN LORENZO (FIRENZE)

 

Orario post COVID:

sabato e domenica ore 09.00 > 13.00 e ore 15.00 > 19.00.

L’ingresso sarà gratuito sino alla fine di giugno 2020.

E’ consigliata la prenotazione al numero 055 8456230 o alla email info@chinimuseo.it

 

www.chinimuseo.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *