Giornata dantesca alla cascata dell’Acquacheta il 12 giugno

Giornata dantesca alla cascata dell’Acquacheta (Inferno, XVI Canto , versi 94-105), nel parco nazionale Foreste casentinesi, monte Falterona e Campigna.
“L’esilio di dante tra Romagna e Toscana”
Sabato 12 giugno.

Dopo diversi mesi di preparazione da parte di un Comitato intercomunale e interregionale, sabato prossimo 12 giugno si terrà finalmente la “Giornata dantesca all’Acquacheta”.  Il parco nazionale Foreste casentinesi, Monte Falterona e Campigna, i Comuni  di  San Godenzo, Portico-San Benedetto e Marradi, e l’Accademia degli Incamminati di Modigliana, intendono celebrare così il  VII centenario della morte di Dante  Alighieri  (1321 – 2021). La manifestazione è inserita fin dal suo formarsi anche nel calendario nazionale degli eventi danteschi. Infatti, Dante non solo cita la cascata dell’Acquacheta nel Canto XVI dell’Inferno della Divina Commedia (94-102), ma l’incontro dell’8 giugno 1302, durante il quale i fuoriusciti guelfi Bianchi, fra cui Dante, e i ghibellini si riunirono a San Godenzo per rientrare in armi a Firenze, riveste una grandissima importanza storica e letteraria, perché è l’unica data certa dei vent’anni dell’esilio del Sommo Poeta.
Possono partecipare direttamente, cioè in area riservata e delimitata causa le norme anti Covid, solo quelli che si sono prenotati online presso l’organizzazione, mentre gli altri escursionisti occasionali possono partecipare a distanza. Tutti però potranno ricevere informazioni e indicazioni da un gruppo di volontari che svolgeranno servizio durante la giornata in un gazebo, appartenenti a Protezione civile, Soccorso Alpino, Croce Rossa, Misericordia e Pro loco dei vari paesi. Il programma prevede alle ore 11 il ritrovo nella Piana dei Romiti sopra la Cascata dell’Acquacheta, raggiungibile a piedi in circa due ore da San Benedetto in Alpe e dall’Eremo dei Toschi o di Santa Maria all’Eremo. Dopo i saluti istituzionali dei sindaci di San Godenzo, Portico e Marradi, dei presidenti della Toscana ed Emilia-Romagna, del Parco nazionale e dell’Accademia degli Incamminati, la manifestazione raggiungerà il clou con: declamazione e commento del canto XVI dell’Inferno da parte del professor Riccardo Pratesi di Firenze, dal titolo “Come quel fiume…che si chiama Acquacheta”; e presentazione del libro “Che si chiama Acquacheta suso” (e sottotitolo “Dante work in progress sull’Alpe di San Benedetto tra Firenze e Ravenna”, con presentazione dello storico Franco Cardini) del giornalista e storico romagnolo Quinto Cappelli, edito da Il Ponte Vecchio e appena arrivato in libreria, che sarà intervistato da Patrizia Ravagli dell’Accademia degli Incamminati.
La manifestazione sarà animata dal Gruppo dei tamburini Dante Ghibellino di San Godenzo e dai Musicanti di San Crispino di Modigliana, che intratterranno i partecipanti alle 14.30 con “Noi eravam tutti fissi e attenti a le sue note” (Purgatorio, II, 118-119). Alle 13 è previsto un pranzo al sacco, col “fagotto”, offerto dai Comuni organizzatori. Le prenotazioni online sono esaurite da tempo, ma informazioni si possono chiedere presso i Comuni di  San Godenzo (055.837381) e Portico e San Benedetto (0543.967047). Per la buona riuscita della manifestazione, gli organizzatori e i responsabili della sicurezza raccomandano di vestirsi in modo adeguato per una escursione in montagna, di lasciare pulito l’ambiente e di collaborare per la buona riuscita dell’iniziativa, “perché si tratta di una festa per tutti: partecipanti, cultura e natura”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *