Rispettati gli impegni sulla sanità? Un’ interrogazione di Mugello in Comune

Vista la fine degli incarichi amministrativi, come gruppo Mugello in Comune  abbiamo depositato il 27 Febbraio una interrogazione in Unione dei Comuni per monitorare gli impegni presi sull’organizzazione dei servizi sanitari territoriali e quanto ancora è rimasto da realizzare. Indichiamo in sintesi quanto richiesto.

In una assemblea pubblica di oltre 1 anno fa, organizzata dalla CGIL, era stato preso l’impegno di attivare la reperibilità in endoscopia; chiediamo risposte in merito, visto che ancora il tutto non è stato attuato.

Anche sui lavori di ampliamento del poliambulatorio al polivalente di Borgo San Lorenzo, e sull’adeguamento sismico dell’ospedale, non abbiamo per il momento avuto alcuna certezza di avvio dei lavori.

Con impegno politico e aziendale poi, era stato promesso di poter effettuare le IVG farmacologiche a livello del consultorio principale di Borgo San Lorenzo, ma dell’istituzione di questo servizio, ancora non sappiamo niente.

Oltre alla temporanea esternalizzazione dei prelievi poi, si parlava anche di prossima reinternalizzazione; vorremmo capire infatti, oltre alle promesse, quando questa verrà calendarizzata.

Evidenziato poi, come la riforma regionale del 118 preveda una riduzione delle ambulanze medicalizzate, con medico a bordo, di 25 unità, visto che si stanno diffondendo a tal proposito le voci che prevederebbero la rimozione della sopracitata organizzazione a partire dal mese di Maggio 2024 a Barberino di Mugello, territorio montano, vicino all’autostrada, e comune dove non è presente neppure la guardia medica; si è chiesto se corrisponda a verità il fatto che nell’ambulanza del 118 di Barberino non sia previsto più il medico a bordo a partire dal mese di Maggio, ed in caso affermativo, come si pensi di rispondere prontamente alle situazioni tempodipendenti che potrebbero verificarsi in quel territorio e nel tratto di autostrada coperto dall’ambulanza di Barberino.

Vista poi, la scarsità di offerta per alcune specialistiche territoriali, ed il dissenso da questa stimolato nelle persone che non riescono a trovare risposta per servizi Geriatrici, per accedere al consultorio giovani, per il servizio di neuropsichiatria infantile, di oculistica e di audiologia, ci aspettiamo di sapere, a risposta della nostra interrogazione, quando questi servizi, come offerta, verranno adeguati alle necessità degli abitanti.

Considerando poi, gli impegni presi dall’assemblea e dalla Giunta dell’Unione dei Comuni, di monitoraggio dei servizi sanitari territoriali con i referenti dell’AUSL TC, abbiamo infine chiesto, per quando questa commissione di “verifica”, verrà organizzata.

Visti gli investimenti che si è promesso di fare in sanità, non dobbiamo abbassare la guardia, ed anche noi, come Mugello in Comune, sebbene a fine mandato, non abbiamo intenzione di farlo!

I commenti sono chiusi.