Mugello, presidio del territorio col drone

Mugello, presidio del territorio col drone
L’Unione dei Comuni si è dotata di un apparecchio di ultima generazione

presidio territorio con drone

Un presidio più ampio e controlli più efficaci del territorio… dall’alto. Sul cielo del Mugello si alzerà in volo un drone di ultima generazione di cui si è dotata da poco l’Unione dei Comuni. L’apparecchio sarà impiegato in particolare per funzioni inerenti la difesa del suolo e salvaguardia idraulica e idrogeologica; la tutela del patrimonio boschivo e forestale; il monitoraggio di situazioni di rischio e protezione della popolazione; controlli su aree estese, sicurezza stradale e viabilità, lotta all’abusivismo.
Personale dell’ente (quattro dipendenti dei settori Protezione Civile, Paf e Ufficio Bonifica, Polizia Municipale) ha frequentato un apposito corso e conseguito l’abilitazione all’uso di droni in ambiente critico, secondo le disposizioni dell’ENAC (Ente titolato al rilascio di questo tipo di abilitazione).
Il corso si è concluso di recente ed è stato curato dalla scuola di volo Italdron Academy con sede a Vicchio. I test per il rilascio all’abilitazione si sono svolti all’Aviosuperficie di Figliano, nel comune di Borgo San Lorenzo, sotto la supervisione dell’esaminatore Enac Riccardo Petracchi.

One thought on “Mugello, presidio del territorio col drone

  1. invece che per sorvegliare i liberi cittadini, non potrebbero usarlo con maggiore profitto per riprendere le partite di calcio delle nostre squadre?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *