Approvato il bilancio di previsione a Scarperia e San Piero

COMUNE DI SCARPERIA E SAN PIERO: APPROVATO IL BILANCIO DI PREVISIONE 2020/2022

Nessun aumento delle tasse e ancora investimenti

Il Consiglio Comunale di Scarperia e San Piero ha approvato il Bilancio di Previsione 2020/2022 lo scorso 23 dicembre. Passate le Festività Natalizie ed anche la prima emergenza del terremoto è il momento di riprendere l’ordinaria attività amministrativa e spiegare cosa è stato deliberato. Il Bilancio di Previsione è il documento contabile che contiene le previsioni di entrata e di spesa del 2020 e dei due anni successivi ed è il più importante strumento di programmazione di tutte le attività dell’Ente. E’ un documento tecnico complesso e articolato, non facile da leggere e da sintetizzare.

Cosa prevede il Comune per l’anno 2020?

Complessivamente il Bilancio del Comune ammonta a quasi 23 milioni di euro che risulta così suddiviso:

 

Parte Entrata

 

Entrate tributarie €  7.898.229,16
Entrate da trasferimenti €  1.467.193,08
Entrate extratributarie (tariffe per servizi) €  3.268.875,63
Entrate in conto capitale €  3.728.736,09
Entrate per conto di terzi e partite di giro €  2.571.000,00
Fondo pluriennale vincolato €      55.506,56
Totale € 18.929.540,52

 

Parte Spesa

 

Spese correnti € 12.223.532,41
Spese in conto capitale €   3.845.141,38
Rimborso di prestiti €      289.866,73
Spese per conto terzi e partite di giro €   2.571.000,00
Totale € 18.929.540,52

Quali sono le scelte dell’Amministrazione collegate ai numeri suddetti?

Per quanto riguarda la parte entrata è da mettere in evidenza che tutte le imposte e tasse (IMU, addizionale Irpef, diritti e rimborsi, ecc..) del Comune rimangono invariate rispetto all’anno scorso, lo stesso vale per le tariffe dei servizi di mensa, trasporto scolastico e asilo nido che rimangono uguali e sono calcolate con riferimento all’ISEE del nucleo familiare per avvantaggiare le situazioni che hanno minor reddito e patrimonio. Nessun aumento previsto per il 2020: così ha scelto l’Amministrazione nonostante la legge  finanziaria consenta ai Comuni di incrementare le tasse locali. Sono inoltre confermate tutte le agevolazioni previste per la tassa dei rifiuti TARI, mentre i relativi importi saranno approvati nei primi mesi dell’anno, dopo la definizione del piano economico-finanziario  del servizio di raccolta rifiuti, che dovrà essere prima approvato da tutti i Comuni che fanno parte del nostro ambito.

Per aumentare le entrate proseguirà, anche per l’anno in corso, l’attività di controllo dei pagamenti dei servizi comunali e il recupero dell’evasione delle tasse comunali con una previsione di entrata di 86.000,00 euro. Sempre in entrata è previsto il trasferimento statale per i Comuni oggetto di fusione pari a 1.046.732,08  euro che corrisponde all’importo definito dal Governo a Giugno 2019, ossia diminuito rispetto all’anno scorso di circa 400.000,00 euro. E’ una previsione prudente che l’Amministrazione ha voluto fare per non mettere a rischio gli equilibri del bilancio comunale. Sappiamo però che queste risorse, grazie anche alla mobilitazione dell’Anci (Associazione Nazionale dei Comuni) saranno riassegnate, almeno in parte, ai Comuni oggetto di fusione nel corso del corrente. Quando avremo la certezza di ricevere maggiori entrate le iscriveremo nel Bilancio Comunale e decideremo come utilizzarle.

Sul fronte della  spesa sono previste tutte le risorse necessarie per mantenere e rafforzare il livello e la qualità dei servizi erogati (mensa, trasporto, asilo nido, attività culturali, associazionismo, sport, servizi sociali, manutenzione delle strade comunali, pubblica illuminazione, cimiteri). Non è stato necessario  effettuare alcun taglio. Anzi per il 2020 è stato confermato il fondo  di 10.000 euro per stimolare l’apertura di nuove attività commerciali ed artigianali nei centri abitati Comune.

Una parte molto importante del Bilancio è, anche per quest’anno, quella relativa agli investimenti: e’ di oltre 5.700.000,00 euro la cifra destinata ad opere pubbliche per i prossimi tre anni. In particolare nel 2020 sono previsti la conclusione dell’intervento sulla palestra di Scarperia, l’adeguamento sismico della palazzina ex urp del Comune di San Piero a Sieve, la manutenzione straordinaria degli impianti sportivi del comune, molti interventi di manutenzione straordinaria e di messa in sicurezza dei piani viabili e delle strade comunali,  il rifacimento di giardini e aree verdi comunali, il completamento della pratica di acquisto di Piazza Torricella e relativa messa in sicurezza dell’immobile e gli atti propedeutici alla realizzazione della nuova biblioteca e infine vari interventi di riqualificazione del centro storico di Scarperia e completamento di quelli già iniziati nella zona di Cardetole.

Il Bilancio di Previsione 2020 è il primo  di questa nuova legislatura che è iniziata con le elezioni amministrative del 26 maggio scorso. Per il Sindaco Federico Ignesti, che è al secondo mandato, si tratta di proseguire l’attività amministrativa. Il primo cittadino si dichiara soddisfatto del lavoro fatto finora e afferma: “i conti del Comune sono in ordine. Anche per quest’anno nessun aumento di tasse e ancora molti investimenti. Il Comune beneficia, oltre che dei contributi straordinari dovuti alla fusione, anche dell’opera di riduzione dell’indebitamento che  è stata fatta negli anni scorsi. Siamo passati da 754.802,30 euro del 2014 a 308.837,01 euro del 2020 di spesa a carico del bilancio per il rimborso dei prestiti, ai quali si aggiungono 55.559,12 euro per interventi di efficientamento energetico tramite i fondi Kyoto e che saranno ripagati dall’attivazione del conto energia. Ritengo che tasse invariate e investimenti sia l’unica formula per garantire lo sviluppo economico, la creazione di posti di lavoro, la crescita del benessere e la coesione sociale di tutti i cittadini. Il Comune è forte e vitale e può ancora fare molto per lo sviluppo del territorio.”

(uff stampa)

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *