L’Etiopia pianta 350 milioni di alberi in un giorno

L’Etiopia batte il record mondiale dell’India: piantati 350 milioni di alberi in un giorno La Legacy Initiative del governo: 4 miliardi di alberi autoctoni per affrontare i cambiamenti climatici [30 Luglio 2019] www.greenreport.it Secondo l’Onu, la copertura forestale dell’Etiopia è diminuita dal 35% all’inizio del XX secolo a poco più del 4% negli anni 2000, per questo l’Etiopia ha ...

Il 29 luglio abbiamo esaurito le risorse del pianeta

Il 29 luglio abbiamo esaurito le risorse del pianeta di Redazione www.vita.it L'umanità sta attualmente utilizzando le risorse del pianeta come se disponessimo di 1,75 pianeti. Il ministro Costa: «Il nostro modo di vivere va rivisto: i sistemi di produzione e di consumo, la tutela della biodiversità e delle risorse naturali, l'attenzione agli sprechi, a partire da quelli ...

La nuova strage al largo della Libia

La nuova strage al largo della Libia, «La peggiore tragedia nel Mediterraneo di quest’anno» Nel 2019, una persona su 6 che ha tentato di raggiungere l’Europa dalla Libia è morta nel Mediterraneo [26 Luglio 2019] www.greenreport.it Un centinaio di rifugiati e migranti (forse 150) sono affogati nel Mediterraneo dopo il naufragio del loro “barcone”, partito dalla Libia in ...

Il pericolo delle parole

Il pericolo delle parole Pubblicato il 18 Luglio 2019 · www.carmillaonline.com di Armando Lancellotti David Bidussa, a cura di, Benito Mussolini – Me ne frego, Chiarelettere, Milano, 2019, pp.144, € 12.00 L’ultimo lavoro dello storico David Bidussa, recentemente pubblicato da Chiarelettere, consiste in una breve antologia di parole mussoliniane, selezionate all’interno della vastissima diponibilità di interventi, articoli, discorsi parlamentari, comizi di piazza ...

La secessione sovranista

Ammainare l’unità d’Italia? 13/07/2019 - di Domenico Gallo www.volerelaluna.it Una grande mobilitazione percorre la vita politica: siamo in guerra. Al confine sud si sta dislocando un forte dispositivo militare, vengono schierate motovedette, droni, cacciatorpediniere, elicotteri, aviazione di marina, sommergibili per bloccare lo sbarco dei disperati che provengono dal mare e impedire che tocchino le sacre sponde, mentre il Parlamento lavora alacremente per ...

La morte di Giorgio Nebbia

Ieri è morto all'età di 93 anni Giorgio Nebbia uno dei padri dell'ambientalismo italiano. Docente di chimica e merceologia all'università di Bari fino al 1995 è stato molto attivo sui temi ambientali fin dagli anni 60. Numerose le sue pubblicazioni e i suoi articoli sui temi dell'energia, del ciclo dei rifiuti, sull'agricoltura e i cambiamenti ...

La politica sull’immigrazione di Salvini favorisce il malaffare

False Onlus, non diciamo fesserie: la vera emergenza è la ’ndrangheta, non i migranti di Francesco Cancellato www.linkiesta.it Salvini e i giornali di centrodestra parlano di retata di buonisti. In realtà l'inchiesta della procura di Milano racconta l'ennesima infiltrazione delle mafie al nord. Che i decreti sicurezza, invece di combattere, finiscono per incentivare No, non è stata una retata di ...

Carola Rackete: una sentenza da studiare

Carola Rackete: una sentenza da studiare di Redazione www.vita.it Una bella sentenza quella firmata dalla giudice per le indagini preliminari di Agrigento Alessandra Vella. Una sentenza da studiare perchè fissa alcuni principi di fondamentale importanza per tutte le residue navi umanitarie che prestano soccorso nel Mediterraneo. Ecco le 13 pagine della sentenza Una bella sentenza quella firmata dalla giudice ...

Dopo la Sea Watch 3. Una politica propositiva che vada oltre le contestazioni e le proteste

Migranti Dopo la Sea Watch 3. Una politica propositiva che vada oltre le contestazioni e le proteste di  Nino Sergi* www.vita.it Continuare a reagire, non solo denunciando quanto ritenuto inaccettabile ma individuando proposte concrete e realizzabili e trasformandole in coerente proposta politica. E soprattutto evitando sterili pregiudizi ideologici e disastrose divisioni. L'analisi di Nino Sergi in sei punti Nino Sergi Siamo ...

Chi accoglie e chi no 70 milioni di profughi

Chi accoglie e chi no 70 milioni di profughi 25.06.19 Enrico Di Pasquale, Andrea Stuppini e Chiara Tronchin www.lavoce.info Nel 2018 in tutto il mondo ci sono stati 70,8 milioni di profughi. L’Onu insiste sulla necessità di una gestione comune del fenomeno. Ma in tempo di sovranismo, queste persone rischiano di restare a lungo in una situazione di limbo ...

E’ una questione di civiltà e di diritti

Carola Rackete ha compiuto un gesto che in qualsiasi società civile dovrebbe essere considerato normale: salvare delle persone che rischiano di morire , aiutare chi è in difficoltà. Invece nel nostro quotidiano ritorno alla barbarie si sono sentite accuse e offese che ci fanno vergognare di appartenere al genere umano. La vicenda dei 42 migranti lasciati in ...

Un decreto demenziale e pericoloso

I costi sociali nascosti nel pugno duro sull’immigrazione IRENE PONZO www.neodemos.inrfo Tra gli obiettivi delle riforme promosse dal Ministero dell’Interno in tema di immigrazione, vi è certamente quello di stringere i cordoni dell’asilo e della borsa: niente più permessi di soggiorno per motivi umanitari e tagli drastici all’accoglienza dei richiedenti asilo dalla fine del 2018. Per Irene Ponzo ...

Un ministro impresentabile

40 persone in mare per una questione di principio: Salvini con Seawatch ha davvero toccato il fondo di Guido Cavalli www.linkiesta.it Lasciando a mollo 40 disperati nel Mediterraneo, Salvini vuole provare a convincerci che siano un problema. Di più: parla di poteri forti dietro le Ong e di lezioni che “qualcuno” dovrebbe imparare. La verità è che tutti ...

Accaparramento di terre, cambiamento climatico e migrazioni

NEOCOLONIALISMO 21 giugno 2019 Land grabbing: così l’Occidente sta distruggendo l’Africa e creando nuovi migranti di Pietro Mecarozzi www.linkiesta.it L’accaparramento delle terre da parte di aziende e Stati ha sottratto ai paesi emergenti 88 milioni di ettari di terra. Una ferita aperta che spreme le risorse ambientali e alimenta la crisi dei migranti in Europa. La situazione già grave, adesso, ...