Convegno sulle foreste toscane a Rufina il 7 dicembre

“Destinazione Bosco”: un convegno per parlare del futuro delle foreste toscane 

A Rufina in villa Poggio Reale il 7 dicembre

“Destinazione Bosco: gestione attiva per la multifunzionalità dei boschi toscani” è questo il titolo del convegno che si svolgerà a Rufina in Villa Poggio Reale venerdì 7 dicembre alle 9,30. L’iniziativa è organizzata da ANCI Toscana con il patrocinio della Regione Toscana in collaborazione con Unione di Comuni Valdarno e Valdisieve, Comune di Rufina, Associazione Foresta Modello delle Montagne Fiorentine.

L’iniziativa si colloca nell’ambito della manifestazione Dire e Fare e la location del convegno non è stata sicuramente scelta a caso visto che proprio nel territorio dell’Unione di Comuni Valdarno e Valdisieve è nata la prima Foresta Modello Italiana. L’incontro al quale parteciperanno esperti e tecnici avrà come punto di partenza proprio l’esperienza nata in questo territorio, e servirà per rispondere ad alcuni quesiti collegati alle novità introdotte dal testo unico nazionale tra questi come ridare valore al bosco, come tutelare, gestire e promuovere il patrimonio forestale, come sviluppare nuove filiere produttive.

La giornata sarà composta da due sessioni la prima dal titolo “La Foresta Modello delle Montagne Fiorentine, obiettivi iniziali e risultati ottenuti” e la seconda durante la quale si parlerà di “La Foresta Modello delle Montagne Fiorentine: un approccio efficace per promuovere la gestione attività nella realtà toscana e nazionale?”. 

Alla giornata parteciperanno tra gli altri il Presidente dell’Unione di Comuni Valdarno e Valdisieve Monica Marini e i sindaci del territorio, il Presidente della Foresta Modello Stefano Berti, l’Accademia dei Georgofili con Raffaello Giannini, Marcello Giuntini e Luca Marmo rispettivamente Responsabile Forestazione e Responsabile Politiche per la montagna di Anci Toscana. Le conclusioni saranno affidate a Marco Remaschi Assessore all’Agricoltura e Foreste della Regione Toscana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *