A Razzuolo torna il Festival Foglia Tonda

A Razzuolo il 13 e 14 luglio torna il festival dedicato alla riscoperta degli Appennini. Il festival Foglia Tonda, alla sua seconda edizione, diventa più ricco, con due giornate di eventi artistici e di camminate, che avranno come tema l’approccio e le problematiche delle cosiddette “montagne minori” di cui fa parte anche il crinale appenninico del comprensorio Mugello e Alto Mugello. L’arte ed il camminare avranno il compito di accompagnare e stimolare la riflessione intorno a temi quali la fragilità, l’abbandono, il dissesto naturale e il patrimonio culturale in estinzione, nonché sulla possibilità di ri-vivere in montagna, fornendo un punto di vista diverso, legato a tutto ciò che è stato l’Appennino un tempo e ciò che rischia di non essere più. L’intento è anche quello di creare uno spazio di condivisione tra tutti i partecipanti al festival e di far conoscere questi luoghi, nella convinzione che l’arte sia uno strumento efficace per riprendere coscienza di spazi che, come questi della dorsale appenninica, rischiano di essere sempre più abbandonati. Per questo i due giorni di festival prevedranno l’utilizzo dell’arte, in una commistione delle sue diverse forme, come lingua comune di sensibilizzazione alle problematiche della “montagna minore” valida per tutto l’Appennino.

 

Il Programma

Il programma inizia sabato 13 luglio alle ore 15 presso la Casa del Popolo di Razzuolo per proseguire nel vicino Castagneto con due laboratori di pratica filosofica a cura di Nature Artistiche: il primo, alle ore 16, si intitola “A mente aperta nel bosco” con Irene Lucchesi mentre il secondo “La passeggiata dell’Inventastorie”, alle ore 17.30, con Marica Romolini, prevede anche una breve camminata.

Alle 21.00 Irene Cecchini, ricercatrice dell’Università di Gent, incontra Alessandro Salaorni, produttore del documentario “La Regina di Casetta”, e Iacopo Landi, regista di “Grezzano 1967”. Entrambi i documenti verranno proiettati open air nella zona del Poggetto, evento davvero eccezionale per la piccola frazione di Razzuolo. La serata proseguirà con un laboratorio a cura di Alessia De Ninno e Chiara Risti dal suggestivo titolo “Paesaggi d’ombra, presenza di un’assenza” mentre il fine serata è affidato alla musica del cantautore Il Mago Annoiato. Il risveglio della domenica 14 luglio, a cura della Scuola di Pakua di Borgo San Lorenzo, prevede Yoga Cinese e Taichi per prepararsi a “Narrazione Camminanti” delle ore 10.00, una passeggiata nei dintorni del paese (anello di 3km con 200 metri di dislivello) con sei incursioni artistiche, per sei tappe:

Il riabitare narrativo: tessiture ecologiche in Gianni Celati e Franco Arminio – Irene Cecchini

Poesie da “La giusta direzione” – Pietro Cardelli, redattore della rivista di poesia e poetica Formavera, legge i suoi testi da “La giusta posizione”, raccolta contenuta nel XIV Quaderno Italiano di poesia contemporanea (Marcos y Marcos 2019)

Incursione musicale del Mago Annoiato

Presentazione di “Ammappalitalia” – Marco Saverio Loperfido

Musica e poesia su Dino Campana con i “Tipi DiVersi” – Leonardo Parisio e Giovanni Innocenti

Antigagarin, Cronaca dall’anticosmo – Ivan Ferraro

Dopo la sosta per il pranzo libero, alle ore 15.30 l’appuntamento è con l’arte della fotografia con “Fotografare gli Appennini”, un dialogo tra Simone Donati (TerraProject), Andrea Foligni, Pietro Vertamy (Around the Walk) e Giancarlo Barzagli (Grüne Linie). Alle ore 17.00 il programma propone un momento di riflessione e contatto con la natura “Meditare con l’energia del Castagno” a cura di Nature Artistiche con Eleonora Giovannini.

Maggiori informazioni possono essere trovate sul sito www.fogliatonda.info o sulla pagina Facebook Foglia Tonda. Il gruppo organizzatore può essere contattato all’indirizzo email festival@fogliatonda.info .

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *