Una denuncia per abuso edilizio nel comune di Scarperia e San Piero

ABUSO EDILIZIO NEL BOSCO:  UNA PERSONA DENUNCIATA DAI CARABINIERI FORESTALI nel  COMUNE DI SCARPERIA E SAN PIERO. SANZIONI AMMINISTRATIVE PER 2000 EURO.

 

Congiuntamente a personale della Polizia Municipale Unione Mugello Distretto Scarperia, i militari della Stazione Carabinieri Forestale di Borgo San Lorenzo hanno svolto un sopralluogo in località Cerretello nel Comune di Scarperia e San Piero, verificando la presenza in zona boscata di una struttura edilizia .
Il proprietario del fondo era già stato denunciato per l’abuso edilizio in area vincolata, con obbligo di ripristino dello stato dei luoghi, previa demolizione del manufatto. I militari avevano accertato che il proprietario nonché esecutore delle opere, a seguito della sentenza di condanna per abuso edilizio, aveva richiesto la sanatoria, che faceva riferimento ad un immobile ad uso rimessaggio.

Il manufatto poggia su una platea in cemento. Tutto l’immobile è rivestito esternamente con legno tipo baita (sciaveri) ed internamente con finiture in legno e con struttura portante della copertura con travame in legno. La copertura a una falda è in legno.

Di fatto l’immobile, tutt’altro che demolito, si presentava dotato di tutti i comfort ed elettrodomestici propri di una civile abitazione: in particolare la zona cucina era provvista di frigorifero, lavello, lavastoviglie; la zona soggiorno di cucina economica, tavola, sedie, poltrone, divano e televisore. Vi era anche un vano destinato a camera da letto e chiaramente una zona dedicata a bagno, con lavatrice e boiler per la produzione di acqua calda e sanitari completi. Tutti i locali in cui era suddiviso l’immobile erano dotati di impianto di illuminazione con prese e punti luce in ogni stanza nonché impianto tv e parabola satellitare collegati.

Sul lato nord del manufatto, in area boscata sottoposta a vincolo idrogeologico, veniva rinvenuta una tubazione esterna proveniente dall’immobile, che terminava a pochi metri dallo stesso, riversando sul terreno sottostante i reflui provenienti dalla cucina e dal bagno, in assenza di trattamenti.

All’esterno lato nord era presente anche una tettoia per il ricovero di attrezzi e materiali vari.

Con il sopralluogo i carabinieri accertavano dunque la reiterazione del reato e la ristrutturazione, avvenuta in pochi mesi, del manufatto con modifica dei prospetti e cambio di destinazione d’uso da semplice rimessa ad abitazione, senza alcun tipo di autorizzazione. Procedevano dunque a denuncia del proprietario all’autorità giudiziaria  per abusi edilizi ripetuti.

I militari elevavano anche tre sanzioni amministrative per complessivi 2000 euro, per scarico di civile abitazione non autorizzato che si disperde sul terreno boscato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *