Un bando Gal per i Comuni per i servizi commerciali, prorogato al 17 dicembre

Bando per i comuni per i servizi commerciali in zone rurali

Ancora un bando per investimenti nei territori del Mugello, Valdisieve, Val di Bisenzio e Chianti fiorentino è stato pubblicato dal Gal Start sul bollettino della Regione Toscana n.39.
Questa volta sono ammessi progetti che riguardano i servizi commerciali  nelle zone rurali e i beneficiari dei finanziamenti sono solo Enti locali e unioni dei comuni.
Con questa misura è possibile finanziare progetti riguardanti le aree mercatali ,compresa la costruzione di servizi igienici, interventi di riqualificazione e arredo dei Centri commerciali naturali, acquisto o costruzione di strutture per manifestazioni fieristiche e promozionali, creazione di farmers market,  acquisto di attrezzature per esercizi commerciali localizzati in piccole frazioni e centri montani per l’accesso ai servizi comunali e infine una novità rispetto alla programmazione precedente, la possibilità di finanziare” piccole strutture pubbliche di trasformazione e commercializzazione di prodotti della filiera corta collegate ad aree mercatali o ad aree e strutture fieristiche”.
Non sono ammessi aiuti diretti alle imprese.

Come è specificato nel bando gli investimenti previsti dalla  misura “sono sovvenzionabili se gli interventi a cui si riferiscono vengono realizzati sulla base di piani di sviluppo dei Comuni situati nelle zone rurali e dei servizi comunali di base, ove tali piani esistano, e sono conformi alle pertinenti strategie di sviluppo locale, ove tali strategie esistano.
Nei progetti devono essere evidenti il collegamento e le ricadute positive sulle produzioni delle zone rurali interessate. Gli investimenti immateriali sono ammissibili solo se collegati ad investimenti materiali ai sensi del l’articolo n. 45, comma 2, lettera c) del Regolamento (UE) n. 1305/2013 e se connessi e funzionali alla realizzazione degli investimenti materiali previsti nel progetto oppure se relativi ad acquisizione o sviluppo di programmi informatici ai sensi dell’articolo n. 45, lettera d) del Regolamento (UE) n. 1305/2013.
Nel caso di realizzazione di piccoli laboratori di trasformazione, dovrà esserne garantito l’utilizzo da parte di tutti i produttori agricoli e concessionari di orti sociali.
Nel caso di creazione di farmers  market, dovrà esserne garantito l’accesso da parte di tutti produttori agricoli.”

La dotazione del bando è abbastanza contenuta  e ammonta a 707.714 euro (non molto diversa da quella della programmazione precedente) ma il contributo copre il 100% dell’investimento fino ad un massimo di 200.000 euro. Nella programmazione 2007-13  furono finanziati 8 progetti in vari comuni fra cui Palazzuolo sul Senio, Vicchio, Scarperia e San Piero , Borgo San Lorenzo, San Godenzo, Londa e due comuni del Chianti.

Le domande devono essere presentate entro il 17 dicembre 2018 sul sistema Artea.

LR

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *