Dipendenti del comune di Vaglia in stato di agitazione

DIPENDENTI DEL COMUNE DI VAGLIA IN STATO DI AGITAZIONE
Sono ormai molti mesi che la situazione del personale del Comune di Vaglia è insostenibile.
Situazione che si è trascinata per lungo tempo, tra prese di posizione unilaterali dell’amministrazione e la condizione degli uffici in continuo deterioramento.
Mesi in cui abbiamo dovuto sopportare di tutto, dagli attacchi del Sindaco Borchi a mezzo social che, per nascondere la manifesta incapacità di questa amministrazione di gestire la situazione del personale, ha sempre preferito denigrarne il lavoro, allo svilimento della Rappresentanza sindacale unitaria, allo svuotamento degli uffici, al blocco della contrattazione di secondo livello.

Siamo stati di fatto estromessi dal confronto relativo alla cessione delle farmacie comunali e alla ricollocazione all’interno dell’Ente del personale in esse impiegato. Un’operazione, quella della cessione delle farmacie, sulla quale non c’è mai stata chiarezza nei confronti della Rappresentanza sindacale, portata avanti a “rotta di collo” senza nemmeno sapere dove ricollocare i tre farmacisti e se questa operazione fosse compatibile con la pianta organica del Comune.

Abbiamo assistito a un continuo turn over di Segretari Comunali ed all’accantonamento delle relazioni sindacali dovuto al caos  causato questa continua riorganizzazione.

Ciò che ormai è evidente e condiviso dalla maggioranza dei dipendenti, è che ci si trovi di fronte ad una totale ingessatura della macchina comunale, tanto da farci contestare la regolarità di alcuni atti amministrativi come il percorso di ricollocamento dei farmacisti  e un bando di mobilità.

Lo scorso anno doveva concludersi con la stesura di un Contratto integrativo decentrato che seguisse il rinnovo del Contratto nazionale, invece, buona parte delle norme relative al personale rimangono inapplicate perché, nonostante la proroga che avevamo concordato sino al 30 marzo 2019, i tavoli sindacali non sono mai stati avviati.

La situazione è pertanto insostenibile e l’approssimarsi del periodo elettorale ha determinato il blocco totale delle relazioni sindacali.

Noi crediamo che i dipendenti comunali, gli stessi che in questi anni hanno tenuto in piedi il Comune di Vaglia, meritino maggiore rispetto e che gli impegni contrattuali debbano essere prioritari anche alle campagne elettorali.

Pertanto abbiamo proclamato stato di agitazione del personale comunale e, se all’incontro in Prefettura previsto per lunedì 15 maggio non dovessero emergere garanzie circa il rispetto del contratto, proseguiremo con le iniziative di lotta.

Firmato: Fp Cgil Firenze

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *